• COME CONSORZIARSI
  • DOWNLOAD
  • CONTATTI

Consorzio IBIS

Linee strategiche e progettuali







Le imprese chimiche piemontesi che hanno aderito all'iniziativa di costituzione del Polo hanno individuato due linee strategiche da attuare con adeguati progetti di ricerca e sviluppo:

  1. PRODOTTI DA MATERIE PRIME RINNOVABILI E BIODEGRADABILI (BIO-BASED PRODUCTS)
  2. RIDUZIONE DELL’IMPATTO AMBIENTALE CON MODIFICHE DI PROCESSO E SOSTITUZIONE DI PRODOTTO
Nella prima linea strategica, il punto di partenza è il sempre maggiore interesse che assumono le materie prime rinnovabili in campo industriale, a seguito dei problemi di approvigionamento energetico e di sostenibilità ambientale. L'importanza dei prodotti biobased è confermata dai più recenti approcci dell’Unione Europea, che proprio in tali prodotti ha identificato uno dei sei settori-chiave considerati strategici per l’Europa e sui cui concentrare i futuri sforzi normativi e di ricerca (Lead Markets Initiatives - LMI).

Impiegando processi fisici, chimici e biologici, materiali quali oli vegetali, amido da cereali e patate, cellulosa da paglia e legno, lignine e amminoacidi possono essere convertiti in carburanti, intermedi chimici, polimeri e altri prodotti speciali per i quali fino ad oggi è stato utilizzato petrolio.

Particolare interesse riscuotono le bioplastiche, con proprietà d'uso simili a quelle delle plastiche convenzionali, ma aventi la possibilità di essere completamente biodegradabili e compostabili.

La seconda linea strategica è rivolta in primo luogo ai processi a minore impatto,che affrontano, una duplice sfida: rendere più disponibile una tecnica o un processo che già esiste, nel senso di innovare per renderli ancora più disponibili (ad es. in termini di economicità) e modificare i processi, in ordine alla loro sostenibilità, per renderli in futuro disponibili.

Per quanto riguarda invece i prodotti a minore impatto sull’ambiente, sulla salute e sulla sicurezza, i riferimenti vanno cercati: nel processo di sostituzione di prodotti con altri più compatibili ( forte stimolo in questa direzione arriva di certo dalla entrata in vigore del regolamento europeo Reach sulle sostanze chimiche, che modificherà nel tempo il numero e le caratteristiche delle sostanze e l’attuale geografia dei produttori e fornitori); nel miglioramento della loro qualità ambientale utilizzando ad esempio lo strumento volontario dell’etichettatura ecologica, (ad es. il marchio europeo Ecolabel); nelle tecniche di ecodesign, finalizzate anche ad una migliore gestione del fine vita dei prodotti.

Le imprese che hanno progressivamente aderito al Polo hanno condiviso i progetti di ricerca già elaborati singolarmente, per individuare quali era più interessante e utile sviluppare all’interno del Polo stesso. Essi riguardano:
  • I PRODOTTI VERNICIANTI
  • I PRODOTTI DA MATERIE PRIME RINNOVABILI (BIO-BASED PRODUTS)
  • I PROCESSI/PRODOTTI PIU' ECOCOMPATIBILI

Consorzio IBIS - c/o FONDAZIONE NOVARA SVILUPPO utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.
Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento